Shopping Cart (0 Items)
Subtotal: $0.00
Your cart is empty!
Chiudi

Margherita Sarfatti. L'altra donna del Duce

[Il Duce's Other Woman], traduzione di Carla Lazzeri


Milano, Mondadori, 1993, Le scie
cm 22.5x15, pp. 763-(7)+32 di illustrazioni in b/n, cartonato, sovracoperta illustrata
Unica edizione italiana. Ottimo esemplare

€ 35,00
Per oltre vent'anni Margherita Sarfatti (1880-1961) fu l'amante e la segreta ispiratrice di Benito Mussolini. Scrittrice, critica d'arte (fondò il movimento artistico-letterario «Novecento»), raffinata intellettuale cosmopolita, Margherita Sarfatti proveniva da una ricca famiglia ebraica di Venezia.

Autrice di una ventina di libri, fu in relazione con molti personaggi famosi della cultura e della politica, tenne una vivace corrispondenza e animo uno dei salotti piu noti dell'Italia fra le due guerre. Fra i suoi amici e conoscenti c'erano Marconi, D'Annunzio, Boccioni, Colette, Toscanini, Marinetti, Gide, Cocteau, Ezra Pound, Pirandello, Josephine Baker, ma anche personaggi sinistri come Hermann Goring. La Sarfatti prese il tè alla Casa Bianca con Franklin ed Eleanor Roosevelt, pranzò sul Nilo col principe ereditario Umberto e con la principessa Maria Josè andò in gondola con George Bernard Shaw, visitò Citta del Messico col pittore Diego Rivera e ascoltò Albert Einstein mentre suonava per lei una serenata al violino.
Ma nel 1912, allorché le loro vite si intrecciarono, la persona più importante per Margherita divenne Benito Mussolini. A quell'epoca egli apparteneva all'ala rivoluzionaria del Partito socialista ed era appena stato nominato direttore dell'«Avanti!». Mussolini, un provinciale fiero ma rozzo, era l'opposto della Sarfatti. Eppure l'attrazione intellettuale e sessuale che li legò fu intensa e appassionata. Quando nel 1922 Mussolini divenne capo del governo, Margherita Sarfatti ebbe un ruolo decisivo nella formazione della mitologia culturale del fascismo. Dopo l'abbandono di Mussolini (cui dedicò una celeberrima biografia, Dux, tradotta in diciotto lingue), fu costretta per le origini ebraiche a lasciare l'Italia e andò in esilio in Sud America.
Fondata su centinaia di documenti inediti, questa è la prima biografia completa di una delle donne più influenti del ventesimo secolo.

Chiudi