Shopping Cart (0 Items)
Subtotal: $0.00
Your cart is empty!
Chiudi

Architettura sacra paleocristiana e medievale e altri saggi su Rinascimento e Barocco

[Ausgewählte Aufsätze zur europäischen Kunstgeschichte], traduzione di Giuseppe Scattone


Torino, Bollati Boringhieri, 1986, Nuova cultura, 35
cm 22x14.7, pp. LVI-327-(1), 114 illustrazioni fuori testo, tela, sovracoperta illustrata
Prima edizione italiana. Ottimo esemplare >>>

€ 50,00
Indice

Invece di una prefazione   p. XIII  
Bibliografia degli scritti di Richard Krautheimer   XLV
Premessa all'edizione italiana   LI
Abbreviazioni   LIII

Architettura sacra paleocristiana e medievale e altri saggi su Rinascimento e Barocco

1. La basilica costantiniana   3
2. Costantino e la chiesa dei Santi Apostoli a Costantinopoli   40
3. Sulla fondazione di San Paolo fuori le Mura   50
4. Successi e fallimenti nell'architettura chiesastica tardoantica   66
5. I Decanneacubita di Costantinopoli   90
6. Introduzione a un'iconografia dell'architettura sacra medievale   98
7. La rinascita dell'architettura paleocristiana romana nell'età carolingia   151
8. Gli inizi della storiografia artistica in Italia   220
9. Umanisti e artisti   240
10. L'Angelico e, forse, Alberti, 259
11. «Scena tragica» e «scena comica» nel Rinascimento: le vedute prospettiche di Baltimora e di Urbino   271
12. «Roma Alessandrina»   293

Indice analitico, 311
Sono qui raccolti i saggi più importanti di storia dell’arte di Richard Krautheimer, scritti in più di mezzo secolo di attività scientifica (1929-82). I temi trattati coprono un arco di tredici secoli: dall’architettura chiesastica paleocristiana a quella medievale, dall’arte e dalla teoria artistica del Rinascimento al rinnovamento urbanistico di Roma intrapreso alla metà del Seicento da papa Alessandro VII.

Particolare attenzione è dedicata alla storia dell’architettura, soprattutto quella paleocristiana, a cominciare dalle basiliche erette sotto Costantino. L’autore esamina a fondo le fasi evolutive dei vari tipi edilizi, mettendone in risalto le affinità e le diversità; non si limita però a una descrizione puramente architettonica degli edifici, ma scorge piuttosto in essi un messaggio, che è possibile decifrare solo con una conoscenza adeguata delle concezioni teologiche, liturgiche, sociali, politiche e ideologiche dell’epoca. E Krautheimer riesce mirabilmente in ciascuno scritto a fornirci la chiave per intendere quelle concezioni. A quasi tutti i saggi - alcuni dei quali risalgono a parecchi decenni fa - l'autore ha aggiunto uno o più poscritti, in cui riesamina criticamente i problemi alla luce delle ricerche sviolte nel frattempo da lui stesso e da altri studiusi

Chiudi