Shopping Cart (0 Items)
Subtotal: $0.00
Your cart is empty!
Chiudi

La storia del siluro

Fiume, Silurificio Whitehead di Fiume s.a., 1936
cm 28.8x22, pp. XVI-177-(3), 2 ritratti fotografici fuori testo e 69 illustrazioni nel testo, tela
Edizione originale, numerata, e fuori commercio. Il nostro esemplare è il n. 738. In ottimo stato >>>

€ 200,00
INDICE

Note biografiche dell’ Ing. Giuseppe Orlando    pag v
Note biografiche dell’ Ing. Luigi Orlando    xii


PARTE I

Capitolo I — I primordi del Siluro    1
     "      II — L’Evoluzione delle caratteristiche esterne del siluro - Metalli impiegati per la sua costruzione -
                      Suddivisione delle sue parti    29
     "      III — Testa carica - Esplosivi impiegati nei siluri -Testa da esercizio - Testa indicatrice - Fuochi indicatori -
                      Acciarini normali e tagliareti     175
     "      IV — Impiego di aria compressa nei siluri - Aria fredda ed aria riscaldata - Serbatoio - Compartimento dell’acqua    66
     "      V — Regolatore di pressione - Riscaldatore - Macchina motrice    78
     "      VI — Regolatori d’immersione    100
     "      VII — Guidasiuri ed altri organi del siluro    114
     "      VIII — Lanciasiluri e compressori    130
     "      IX — Evoluzione, nei requisiti bellici del siluro    143

PARTE II


Capitolo I — Il Silurificio Whitehead    pag. 157
     "      II — Stabilimento, impianti e organizzazione    165
     "      III — Il siluro aereo    170
     "      IV  — Catapulta di lancio per siluri aerei    175

La storia del silurificio Whitehead di Fiume che costuì il primo siluro moderno, dalle origini al 1936. Il primo prototipo di siluro, del 1866, era lungo 3,53 metri, aveva un diametro di 356 o 406 millimetri e pesava 136 chilogrammi.

Era a forma di spola con le estremità affusolate e per impedire sbandamenti di direzione era provvisto di due alette, una superiore ed una inferiore. Raggiungeva una velocità massima di sei miglia. All'estremità della testa era avvitato l'acciarino, il congegno preposto allo scoppio della carica, mentre la testa, conica, conteneva tra i 15 e i 18 chilogrammi di esplosivo.
I capitoli del volume parlano dei primordi del siluro; dell’evoluzione delle caratteristiche esterne di quest’arma; dei metalli impiegati per la sua costruzione; della suddivisione delle sue parti; degli esplosivi impiegati nei siluri.

Chiudi